Home Città Totosindaco: e se la ricandidatura Fagioli saltasse?

Totosindaco: e se la ricandidatura Fagioli saltasse?

1207
18

SARONNO – In casa Lega lo danno tutti per scontato, anzi si sono affrettati ad annunciarlo la primavera scorsa e a risaldare le alleanze dopo le europee, ma se la ricandidatura di Alessandro Fagioli non arrivasse? Cosa potrebbe succedere nel centrodestra?

Dei problemi di comunicazione e di gestione della partecipazione (che neppure specifici investimenti hanno saputo arginare) ne ha parlato può volte persino il primo cittadino. E quindi forse non è poi così difficile pensare che, come a volte  viene sussurrato nei corridori e nelle chat leghiste, la rielezione non sarà proprio una passeggiata anche alla luce dei risultati sotto la media regionale e provinciale, alle europee.

E da queste considerazioni la pazza idea… perchè non cambiare cavallo? Del resto le opzioni non mancano alcune assolutamente valide e “di peso”. In pole position ovviamente Raffaele Fagioli fratello del sindaco e presidente del consiglio comunale. A parte la “cacciata dei cittadini dal consiglio comunale” Raffaele ha mantenuto fede al suo ruolo restando sopra la mischia ed evitando di essere coinvolto nelle beghe di questi difficili 4 anni di mandato. Una staffetta in famiglia che potrebbe dare l’immagine di una svolta in risposta alle istanze dei saronnesi. In casa centrodestra, sotto traccia ma se ne parla, non manca chi scommette sulle velleità da primo cittadino di Paolo Strano. Politico di lungo corso il presidente di Saronno al centro dopo tanti anni d’assessore potrebbe concludere la carriera guidando la città. Tra i talenti con velleità e numeri per provarci anche Vittorio Venneri più volte recordman del consiglio comunale rimasto in panchina dopo l’ultima campagna elettorale è in perfetta forma per un rilancio in grande stile. Ma anche in Forza Italia c’è una carta da giocare: Lara Comi che dopo aver perso il seggio europeo potrebbe accomodandosi sulla poltrona da primo cittadino. Una candidatura insolita ma che potrebbe portare al primo sindaco donna della storia cittadina. O forse chissà la Lega troverà per Fagioli un’altra collocazione (magari complici le elezioni politiche che potrebbero arrivare in autunno) e a Saronno si potrebbe giocare la carta di un candidato esterno.

Solo fantapolitica estiva? Alle strategie elettorali l’ardua sentenza.

05082019

18 Commenti

  1. tutto divertente !
    ecco che dopo i Savoja arrivano i Fagioli….
    …..

    Capolinea!

  2. Impostare un falso sondaggio sul toto Sindaco nel periodo estivo è poco consigliabile per tutte le forze politiche che scenderanno in campo nella prossima tornata elettorale locale. È da chiedersi invece come agirà l’elettorato saronnese alla luce degli eventi vissuti in questi ultimi quattro anni di vita politica locale a trazione leghista e dell’area di centro destra palesemente deficitaria perché ricca di flops. Ogni valutazione personale invece deve far pensare e ricercare persone capaci che hanno a cuore le sorti economiche, sociali, amministrative di una città che è stata messa ai margini della politica regionale è utilizzata solo come serbatoio di voti da attingere da personaggi estranei e “forestieri”.

  3. Direi che lo abbiamo visto sia a Saronno che nella Repubblica: un sacco di propaganda divisiva e velenosa, fatti pochi, isolamento internazionale, crescita zero e aziende che falliscono a manetta.
    Mi chiedo se solo io vedo questa tendenza perché poi può pagare fare il bullo da strada con quattro poveracci ma poi ti trovi davanti il fondo monetario Internazionale e allora magari le cose cambiano e gli schiaffoni li prenderemo noi… ecco tutto qui.
    Ps
    Se non dovessi essere pubblicato gradirei che la sig.ra Sara mi spiegasse anche in privato dove ho violato le policy, grazie.

  4. Sicuramente è un articolo non consono al periodo vacanziero, comunque è fantapolitica ogni elezione non è una passeggiata, punto uno per essere eletti bisogna superare la quota di 8.500 voti sia il centro destra che il centro sinistra hanno le potenzialità. Punto due il popolo leghista non può cedere la poltrona di sindaco a degli alleati preferirebbero non votare. Punto tre il candidato del centro sinistra deve essere autorevole, lungimirante, non essere saccente ed accativarsi il mondo cattolico che vota nel centro destra, senza giudicarlo e senza volergli insegnare come si deve vivere. Tutto questo mix determinerà chi farà il Sindaco. Auguri alle segreterie.

  5. Qui siamo oltre la fantapolitica. Questo è uno scherzo della redazione per guadagnare qualche click in un periodo privo di notizie.
    Non vi sono basi logiche per ipotizzare i nomi proposti, comunque è agosto e siamo tutti accaldati.
    Meglio avere il tempo di scrivere articoli da spiaggia piuttosto che di cronaca nera.

  6. Dante Cattaneo sindaco subito, se Fagioli si ripresenterà sarà una disfatta assicurata!

Comments are closed.