Home Città Bocedi: “In piazza contro il corteo degli anarchici: gazebo e raccolta firme”

Bocedi: “In piazza contro il corteo degli anarchici: gazebo e raccolta firme”

1294
17

SARONNO – Una contro manifestazione per “fermare gli anarchici” è la proposta che lancia Paolo Bocedi presidente di Sos Italia Libera associazione antiracket che opera su tutto il territorio nazionale.

Il saronnese parte dal corteo annunciato per sabato 25 gennaio dagli anarchici del centro sociale Telos e del collettivo Adesposta. Anzi il saronnese si rivolge proprio direttamente agli organizzatori del corteo “Riprendiamoci la città” contro la sorveglianza speciale: “E’ a nome di moltissimi cittadini di Saronno ed altrettanti commercianti già ampiamente colpiti dalla crisi che comunichiamo di non essere più disposti a sopportare la vostra “guerriglia urbana” che crea un forte clima di paura nei cittadini, ma sopratutto lede all’economia della città. Ogni commerciante aspetta il sabato per potere vendere la sua merce, ma naturalmente a voi questo non importa. Troverete la società civile che democraticamente si opporrà alla vostra manifestazione”

L’idea è quella di una contromanifestazione: “Ci posizioneremo in corso Italia con un gazebo di protesta nei confronti degli anarchici ed una raccolta di firme per il rispetto della “legalità” . E non manca un appello al questore Giovanni Pepè e al procuratore di Busto Arsizio Gianluigi Fontana “con gli stessi contenuti della denuncia che avevo già presentato un anno fa”.

15012020

17 Commenti

    • E un’associazione che lotta contro la criminalità! E o detto tutto! Svegliaaaaaa

    • Ma quale guerriglia urbana….
      Tra un po’ per inculcare paure ci parlano dei marziani….

  1. Considero insopportabili gli atti di illegalità degli “anarchici” (faccio fatica a parificare questi signori al ricordo di una persona umana, idealista e non violenta come il povero Giuseppe Pinelli). Magari questi signori portassero in modo civile dentro la società le loro idee e le mettessero a confronto! Ne guadagneremmo tutti.
    Ciò detto, signor Bocedi, faccio fatica a vedere “i commercianti” in toto come un baluardo della civiltà e del progresso.
    Cammino per il centro e vedo, qui, un negozio a porte aperte in pieno gennaio e in pieno inquinamento, là i tavolini all’aperto di un centralissmo e noto caffè-pasticceria immersi in una distesa di mozziconi (niente portaceneri sui tavoli? niente contenitore sull’ingresso? niente invito ai clienti a essere civili? è questa la sua “economia” della città, gentile gestore?).
    Insomma, diamoci tutti una mossa per “riprenderci la nostra città”.

    • Purtroppo la civiltà non e per tutti, ma se si inizia sarebbe meglio per tutti, non crede? Bocedi può fermare una parte del problema per il reso anche i cittadini devono fare il loro. Niente posacene? Bene si chiedono, e r non vengono portati si avvisa chi di dovere, o ci si porta in tasca i posaceneri portatili, utili anche se non si e in un locale. Porte aperte consumo eccessivo dei riscaldamenti quindi problema del surriscaldamento ? OK ci sono le autorità competenti, si possono chiamare, ma e bello parlare e non fare i fatti questo e il popolo italiano.

  2. Sarebbe ora che tutto questo scempio terminasse! “Riprendiamoci la città” perchè è vostra? La Città e di tutti i cittadini onesti a partire dai bambini a finire dagli anziani! Vi manca il senso di responsabilità di rispetto parole troppo grosse per persone così piccole! Noi cittadini vogliamo viverci in pace il nostro paese senza tafferugli stupidi, i commercianti devono lavorare in pace senza la paura dei danni che recate alle attività, i bambini devono poter farsi la passeggiata con i propri cari senza aver paura che 4 ragazzotti facciano gli squilibrati. IL PAESE E’ DI TUTTI e non vostro!

  3. Questo signore ha già più volte raccolto firme contro i telos: non si è mai saputo il totale.
    È ipotizzabile quindi che fossero numeri talmente irrisori da non poter far dire “la città è contro i telos”.
    I casi sono quindi due: o questi gazebo sono inutili oppure sono statisticamente irrilevanti e quindi comunque inutili. Ma allora perché li fa? Per pura visibilità?

    • I numeri c’erano e sono anche stati pubblicati su il Saronno, questo e l secondo gazebo non solo se l’ha magistratura si addormenta non potete prendersela con chi vuole il bene del paese. In più il signor Bocedi non ha bisogno di visibilità in quanto ha una federazione anti raket e il suo nel da fare lo ha, andate a informativi prima di parlare. Se lo fa e solo perché come cittadino vuole la tranquillità del paese e evitare i soliti tafferugli di questo ragazzotti viziati nuociono al paese.

    • Non mi risulta che il problema del racket sia stato risolto. Le associazioni antiracket pensino a quello, prima di pensare a ciò che non gli compete.

      • ? non verrà mai risolto se molti non denunciano …certo non potrà essere lui a denunciare ma ad appoggiare sostenere e aiutare ci lo fa.. Non credi? Non per questo l’associazione ha la medaglia d’oro alla lotta contro la mafia un motivo vi sarà

    • ..e voi sareste anarchici? Parlate di più come dei fascisti. Povero Bakunin! Povero Pinelli!

Comments are closed.