SARONNO – Da qualche giorno, o meglio da qualche notte a Saronno non si sono verificati nuovi incendi dolosi dopo quello dello scorso fine settimana, ma va avanti la caccia al misterioso piromane che ha già “colpito” più volte e che nella notte fra lunedì e martedì scorso aveva peraltro ulteriormente alzato il tiro. Non più i sacchetti dell’immondizia o i cassonetti di plastica della differenziata lasciati fuori dai condomini per la raccolta mattutina; nell’occasione aveva preso di mira il cassonetto per la raccolta degli abiti usati da destinare ai bisognosi, che si trova in via Sampietro al quartiere Matteotti.

L’allarme, martedì, era scattato attorno all’1 quando alcuni abitanti nelle vicinanze si eraono accordi che uscivano fume e fiamme dal box metallico ed avevano quindi chiesto l’intervento di carabinieri e vigili del fuoco. I pompieri del locale distaccamento avevano presto spento le fiamme, il contenuto del cassonetto era rimasto incenerito, il box metallico danneggiato. Lo scorso fine settimana erano stati incendiati cassonetti i rifiuti nelle vicine via Avogadro e via Fratelli Cervi, un cestino dei rifiuti in via Varese ed un cassonetto in via Padre Reina.

(foto: i resti del box per la raccolta degli abiti usati)

10042020

1 commento

  1. basta incrociare i dati delle celle telefoniche ..considerado l ‘orario e le restrizioni imposte dai divieti in corso…non credo che ci siano tutte queste persone che si fanno una passeggiata la notte in direzione Caronno…e che coincidano con gli stessi orari nei giorni precedenti a Saronno…

Comments are closed.