SARONNO – Saranno consegnati oggi al massimo domani gli ultimi 50 pacchi della prima tranche di aiuti alimentari attivata dall’Amministrazione comunale con i fondi stanziati dal governo per l’emergenza alimentare. Degli oltre 200 mila euro arrivata a Saronno il Comune ne ha utilizzati 60 mila: “Tra oggi e domani al massimo – ha spiegato ieri sera l’assessore ai Servizi sociali Gianangelo Tosi nell’intervista a ilSaronno – saranno completate le consegne degli ultimi 50 pacchi portando così a 518 il numero di famiglie aiutate in questa prima fase”.

Sempre questa settimana dovranno partire le pratiche per una nuova tranche di aiuti: “L’importo – spiega l’assessore – sarà decisamente ridotto rispetto a quello della prima parte ma spero che i tempi, superati i primi problemi burocratici, siano nettamente più celeri”.

Confermato l’impegno di Croce Rossa, Emporio della solidarietà e Banco alimentare per la distribuzione cambierà la composizione dell’aiuto.
“Abbiamo deciso di inserire anche dei buoni spesa da 20 euro calibrati in base al numero di componenti del nucleo familiare – chiarisce l’esponente della Giunta – l’importo dei buoni sarà comunque molto ridotto rispetto a quello del pacco la cui composizione non cambierà rispetto al precedente. Questo perchè resta primario evitare che si crei una sorta di mercato nero di queste tessere. Abbiamo però pensato di inserire questa soluzione per permettere alle famiglie di acquistare prodotti freschi che inevitabilmente non possono essere presenti nei pacchi e per quei prodotti, come ad esempio gli assorbenti, non presenti nella dotazione del primo pacco“.

12052020

6 Commenti

  1. Capitanoooo, indietro tutta!!! Ma facciamolo in modo che non si capisca che prima abbiamo sbagliato alla grande Non possiamo fare ogni volta queste figure da dilettanti allo sbaraglio…
    Ę ora di cambiare!!!!

  2. Si continua a perseverare con distante indifferenza e superficialità su un percorso di semplice attraversamento, diventato difficoltoso e amaro per le “buche” create per inadeguatezza da questa amministrazione. Le toppe messe in campo per coprire le voragini sono state inefficaci per porre rimedio, ma grazie alle associazioni cittadine coinvolte si sono potuti alleviare temporaneamente i disagi e le difficoltà dei cittadini bisognosi di aiuti alimentari di primo sostegno.

  3. e intanto 5 o 6 settimane per gestire 4 pacchi…. questo per il “popolo” di cui ci si “riempie tanto la bocca” e basta però

  4. Tosi, i soldi del governo erano per aiuti DI EMERGENZA capisci cosa vuole dire?
    ci ha messo un mese e mezzo a distribuire i pacchi, prova a stare tu un mese e mezzo senza mangiare
    adesso che hai capito di aver sbagliato tutto fai i buoni ma soltanto di 20 euro perchè hai paura del mercato nero si vede che hai la pancia piena
    io non sentito diisastro più di questo in tutta italia

Comments are closed.