CERIANO LAGHETTO / SARONNO – Nuovi controlli, nel fine settimana scorso, nelle stazioni lungo la linea ferroviaria Saronno-Seregno, contro spacciatori, tossicodipendenti ed eventuali malintenzionati. In particolare nelle stazioni locali si sono rivisti i cani anti-droga, con la polizia locale ed i volontari del Gst, il Gruppo di supporto territoriale; stavolta affiancati anche da una pattuglia dell’Esercito.

C’era anche il vicesindaco ed assessore comunale alla Sicurezza di Ceriano Laghetto, Dante Cattaneo, che ha fatto il punto: “Non solo carabinieri, polizia locale, polizia ferrroviaria e Gst: da due anni sul nostro territorio possiamo contare anche sulla preziosa presenza dei militari dell’Esercito, grazie all’intervento dell’allora ministro dell’Interno, Matteo Salvini. I militari, con la loro rassicurante presenza, concorrono infatti a rendere più sicure le stazioni di Ceriano Laghetto, ma anche le altre della zona comprese Cesano Maderno e Varedo!”

(foto: il vicesindaco di Ceriano Laghetto, Dante Cattaneo, con la polizia locale e la pattuglia dell’Esercito italiano)

30112020

13 Commenti

  1. Quindi, i militari ci sono ancora anche se il ministro degli interni non è più Salvini.

  2. Bene!!! Io trsformerei sede parco ex polveriera in caserma.
    Presenti sempre!!!

    Bonificare bonificare!
    Marco

  3. Un selfie al giorno toglie i pusher di torno.
    I tossici locali invece ci sono sempre, è gente che vota, quindi è meglio tenerli buoni.

Comments are closed.