SARONNO / CERIANO LAGHETTO – Spaccio nei boschi a margine della linea ferroviaria Saronno-Seregno: i pusher, allontanati nei mesi scorsi, stanno tornando a farsi vedere, soprattutto nell’area della stazioncina di Ceriano Groane che è da tempo chiusa. Nel fine settimana i carabinieri, dopo una serie di appostamenti, sono intervenuti ed hanno arrestato due persone: si tratta di un uomo di 43 anni residente a Limbiate e di un 24enne di Seveso, che sono stati fermati in tempi diversi.

Per quanto riguarda il limbiatese, è stato bloccato in orario pomeridiano nei pressi del bosco vicino a Ceriano Groane, è stato perquisito ed è stato trovato in possesso di 40 grammi di eroina e di 6 grammi di cocaina. E’ stato processato per direttissima al tribunale di Monza che per lui, in attesa che si definisca la posizione, ha disposto gli arresti domiciliari.

In orario notturno il fermo del ventiquattrenne: anche lui trovato in zona di spaccio, aveva 14 grammi di eroina ed anche per lui al processo per direttissima sono stati disposti i docimiari. I due sono accusati di detenzioni ai fini dello spaccio; secondo gli investigatori non sarebbero andati da quelle parti per fare “rifornimento” ma per vendere lo stupefacente al dettaglio.

18012021

3 Commenti

  1. Commento sensa senso non inerente l’articolo. Le leggi vanno rispettate, anche quelle che chiedono determinati documenti/requisiti per entrare in una nazione.

Comments are closed.