Home Città Saronno Fotofestival, oltre il percepibile e oltre Saronno

Saronno Fotofestival, oltre il percepibile e oltre Saronno

218
0

SARONNO – 82 foto circondano Emanuela Baccichetti, presidente del Gruppo Fotoamatori di Saronno, e Stefano Natrella, docente esterno dell’accademia di Brera e curatore delle mostre realizzate dal Gfas, durante l’inaugurazione del Fotofestival, sabato 18 alle 15:30 in Sala Nevera.
Sono presenti anche il sindaco Airoldi e il vicesindaco ed assessore alla cultura Succi. Airoldi si complimenta con i fotoamatori e sottolinea come la fotografia sia “ricerca del bello” e della comprensione profonda delle cose superando le apparenze.
“Questa 16° edizione, che sarebbe potuta essere la 17° se non ci fossimo fermati a causa del covid”, inizia Baccichetti, “è un contenitore di 2 mostre collettive”.
“Tracce su un sentiero lucente, qui esposta, è stata realizzata da 21 autori, ed è la rappresentazione dell’assenza, della traccia lasciata dalle esperienze che ci rendono ciò che siamo” spiega Natrella, “tutte le frasi che i fotoamatori hanno accostato al proprio progetto sono state ricomposte in un’unica narrazione coerente”.
“Genius loci, sulla cancellata esterna di Villa Gianetti, è mostra che guarda la città e non si fa passivamente osservare” continua la presidente. Il curatore sottolinea le potenzialità degli spazi abbandonati dell’ex Isotta Fraschini, “che gli autori hanno cercato negli anfratti, sotto le foglie e i vetri rotti, la sua voglia di diventare altro”.

Le mostre sono collegate quindi tra loro, come anche “Terzo paesaggio” che il Gfas esporrà al Milano Fotofestival, superando i confini saronnesi con la fotografia, dal 4 al 31 ottobre, con inaugurazione il 7 ottobre alle 18:30.

Il Saronno fotofestival continua:
“Tracce su un sentiero lucente” è visitabile ancora venerdì, sabato e domenica; incontro con gli autori, domenica 19 alle 16.00, in Sala Nevera.

Conferenza “Dietro agli occhi. Dove sono custodite le immagini? Un viaggio alla ricerca delle fotografie archiviate nella memoria”, di Stefano Natrella, sabato 25 alle 17, alla Fondazione Casa di Marta.

Lettura portfolio con Raoul Iacometti e Paola Riccardi, domenica 26 dalle 14 alle 19 a Casa di Marta.

19092021