SARONNO – “Quanto accaduto giovedí sera a Saronno è talmente umiliante per la nostra cittá che non sarebbe neanche meritevole di cronaca. Dopo il peggior Natale di sempre, l’amministrazione Airoldi è riuscita ad inaugurare l’apertura del giovedí sera dei negozi in uno scenario sconfortante”.

Inizia così la dura presa di posizione del capogruppo di Obiettivo Saronno in merito alle aperture del giovedì.

“In qualitá di ex presidente del distretto urbano del commercio e attivitá produttive, di ex presidente della commissione commercio e attivitá produttive, di consigliere comunale di Obiettivo Saronno, ma soprattutto di cittadino saronnese, sono indignato da quanto avvenuto.

L’appuntamento della serata in “orario aperitivo” è riuscito, come prevedibile, ad attirare non piú di 30/40 persone; l’80% delle attivitá commerciali chiuse; poche persone in giro in una cornice di rifiuti. Questa sarebbe la Saronno sconfinata ed attrattiva che l’amministrazione Airoldi ha promesso ai Cittadini durante la propria campagna elettorale?

Questa sarebbe una serata a favore del rilancio delle attivitá commerciali e produttive della nostra cittá ? Questo sarebbe il risultato del coinvolgimento delle attivitá commerciali e produttive che il sindaco e l’assessore di riferimento hanno ottenuto durante le loro visite alle attivitá stesse?

Da giovedí sera continuo ad essere subissato di telefonate da parte di cittadini e titolari di attivitá commerciali e produttive che mi comunicano la loro irritazione, il loro sconforto, il loro turbamento per questo contesto, con la richiesta che Obiettivo Saronno possa porre rimedio il prima possibile. Dopo 2 anni e mezzo di “buio”, dovuto alla situazione pandemica, Saronno e i cittadini saronnesi vogliono tornare a vivere ! Le attivitá commerciali e produttive devono tornare ad essere l’anima della nostra cittá! L’attrattivitá ed il coinvolgimento cittadino devono fare da viatico per una maggiore sicurezza e tranquillitá! Obiettivo Saronno fará di tutto affinchè questo possa avvenire. Servono lavoro, volontá, competenza, passione, autocritica, sensibilitá e soprattutto la capacitá di sapere ascoltare. Se l’amministrazione Airoldi non riesce neanche a tenere pulito il proprio salotto di casa durante le feste, viene spontaneo domandarsi di quante e di quali di queste caratteristiche possa farsi interprete.


È attivo il servizio di notizie in tempo reale tramite Whatasapp e Telegram de ilSaronno.
Per Whatsapp aggiungere il numero + 39 3202734048 alla propria rubrica ed inviare allo stesso numero il messaggio “notizie on”
Per Telegram cercare il canale @ilsaronnobn o cliccare su https://t.me/ilsaronnobn

40 Commenti

  1. @ In qualitá di ex presidente del distretto urbano del commercio….

    beh allora spieghi ai suoi sempre pronti a lamentarsi, che però erano aperti i 7 o 8. Anzi le catene commerciali erano tutte aperte e gli altri???? dormono e si lamentano???

    Evento musica concordo che mal inserito nella serata, genere musicale non attrattivo ecc… forse l’assessore competente ha bisogno di un “bagno” nel mondo reale, per capire cosa si aspettano i saronnesi, e soprattutto i giovani

  2. Si indigni con il meteo che ha fatto sì che la serata di una band eccezionale fosse rovinata dal mal tempo o con i commercianti che si lamentano sempre ma non partecipano.
    La spazzatura è stato un errore che spero anche io non ricapiti più.
    Per il resto mi guarderei in casa, la disfatta della Molteni a Gerenzano (su cui non ho sentito proferir parola) dovrebbe dirvi qualcosa sul reale seguito che avete…

    • Troppo semplice nscondere sempre i propri limiti ricrdando quelli degli altri.
      Non c’è limite al peggio.

      • Per me non è una questione di nascondere ma di coerenza. Si vada a rivedere la storia di Amadio (presidente del DUC fino a ieri) e Obb Sar (in maggioranza fino a ieri) e poi la domanda è lecita: ma voi prima di criticare cosa avete fatto?

  3. L’80% delle attività chiuse, lo dice lei e di fronte a questa cosa che ci può fare il sindaco? Questa è la risposta dei commercianti: teniamo chiuso.

  4. Vorrei sapere cosa ha fatto obiettivo Saronno per favorire il commercio locale contro i supermercati , io vivo in via Sabotino e non ricordo prese di posizione contro lo scempio del Penny. Tra l’altro sto pensando di cambiare città

  5. Populismo nel pieno svolgimento.
    I Saronnesi sono indignati per questo continuo arrembaggio contro questa Amministrazione, colpevole solo di aver coinvolto nell’apparentamento forze definitesi politiche ma che avevano la finalità di far sviluppare la più grande apatia e indifferenza cittadina verso la politica locale, utilizzando questi attacchi continui finalizzati a screditare ogni possibile “nemico”.

  6. “con la richiesta che Obiettivo Saronno possa porre rimedio il prima possibile.” Sempre loro, gli infallibili salvatori della patria

  7. Continuate a parlare ma Airoldi è ancora lì. Eppure nn mi sembra impossibile il Game Over.

  8. Facciamo dimettere il Sindaco e per un anno Saronno rimane commissariata almeno andrà tutto a posto perché non si può più andare avanti di questo passo

  9. Questa città è consapevole del pericolo in cui si sta infilando? Sta perdendo identità, competenze, giovani con voglia di fare perché una cupola di politici ingessati sta fermando tutto !

  10. I rifiuti nella foto mi sembrano messi in modo ordinato…Certamente organizzare eventi la sera prima della loro raccolta è un errore di programmazione.

  11. È inutile per un Comune organizzare eventi quando i Commercianti non tengono aperto per protesta. Va male il Commercio perché capitanato da un Ascom incapace e poco proattiva.

  12. Verde, Rodari, Pulizia strade, Commercio. Tutti i problemi derivano dall’ area tecnica. Non mi sembra che ci voglia un genio per capire cosa c’è che non va. E non dipende certo dalla parte politica.

  13. Col caldo che fa, eviterei manifestazioni in Piazza. Chi vuole acquista anche in altri orari.
    Invece osserverei la spazzatura e i fuochi accesi al Parco del Lura.

  14. Ieri sera, con amici,
    siamo usciti per un caffe’,nel centro di Saronno.
    Che idea malsana.

    Davvero umiliante vedere questa bella cittadina lasciata a se stessa.

    I potici ,invece di una risorsa,
    sono abbandonati a se stessi.
    Sporco ,degrado ,molto triste.

    Questi poveri tristi alberelli,
    e queste ex fioriere , cosa vogliono dire cosi’trascurate .
    Sono solo indice di un non amore verso questa cittadina ,e verso chi ci abita.

    Conoscevo una Saronno con i gerani ricadenti ovunque,fioriere e verde curato.
    Strade centrali scopate e lavate.
    Altri tempi?

    Cos’ vien solo voglia di andare via.
    Magari a Seregno.
    Fateci un giro.
    MB

    • invece di venire a saronno va a ceriano laghetto là c’è il guru leghista che ti aspetta a braccia aperte

  15. Amadio , lei schiuma invidia perchè è stato cacciato dalla coalizione, denigra coloro che erano i suoi alleati con cui si è apparentato per vincere le elezioni, dove ha lasciato la coerenza !?

  16. A me sembra un volersi togliere un mal di denti su quanto subito quando era presidente del DUC.
    Sarebbe bastato non unirvi a loro durante le elezioni, pur di avere un posto a sedere che poi vi è stato sfilato sotto il naso e forse oggi non saremmo in questa situazione.
    Chi è causa del suo mal pianga se’ stesso.
    Troppo facile fare la voce grossa ora.

  17. Soprattutto quando è stato dichiarato che aperture iniziavano giovedì scorso ? Sia giovedì scorso che il precedente, la scelta è stata lasciata ai commercianti e la risposta si è vista. O forse Amadio ha sbagliato di una settimana…

Comments are closed.