SARONNO – Visita a sorpresa a casa di una ventina di saronnesi: nelle ultime ore alcuni agenti della polizia locale si sono presentati a casa dei firmatari della petizione per richiedere il consiglio comunale aperto per verificare la veridicità della firma e dell’adesione.

“Salve, è la polizia locale siamo qui per controllare se davvero ha firmato la raccolta firme per richiedere il consiglio comunale aperto per l’ex Cantoni”. Deve essere stata più o meno questa la frase che gli agenti hanno pronunciato suonando alla porta.

L’Amministrazione comunale ha, infatti, deciso di controllare la veridicità delle firme raccolte da Ambiente Saronno e Comitato Acqua Bene Comune per chiedere il consiglio comunale aperto sull’ex Cantoni.

In passato i controlli sono stati eseguiti controllando i dati e le firme (autenticate dai consiglieri comunali) con l’aiuto dell’ufficio anagrafe e delle firme depositate al momento di rilascio della carta d’identità. Per la prima volta, invece, l’Amministrazione ha deciso di inviare i vigili a casa di una ventina di residenti.

Si tratta di una possibilità prevista dal regolamento comunale. Il terzo comma dell’articolo 46 prevede che “il presidente del consiglio comunale, ove lo ritenga necessario, incarichi il segretario comunale, di accertare l’autenticità della dichiarazione invitando almeno 20 firmatari, scelti a sorteggio, a confermare per iscritto la veridicità dell’atto sottoscritto.

Al momento dal palazzo comunale arriva la conferma che gli accertamenti siano stati realizzati ma non arrivano spiegazioni sulla scelta di utilizzare questa metodologia di controllo, inedita per Saronno, e sulle motivazioni. “Non commento – la risposta del presidente del consiglio comunale Raffaele Fagioli – la procedura è ancora in corso”.

20022018

33 COMMENTI

  1. La tragicommedia di questa amministrazione continua senza tregua. Impiegare risorse umane in questo modo per giustificare una petizione pubblica ed eticamente dovuta per la comunità visto la delicatezza del tema. Da cittadino provo vergogna per questa gente che “governa” la città. Un suggerimento: il 2020 si avvicina, iniziate a trovarvi un impiego (per alcuni anche “primo”).

  2. Prova di forza inutile e mossa politicamente sbagliata.
    Usassero i vigili per cose più utili, tipo “vigilare” sulla sicurezza dei saronnesi.
    Sono arrivati alla frutta…

  3. eccola la coppia più “trombata” del mondo….
    tornare a lavorare e lasciare il posto a chi e’ capace…. grazie di tutto e a mai più!

  4. Dopo quello che definirei “passo falso” della vicenda ex ferrovia, questa è un’altra mossa, che se confermata, francamente lascia molti dubbi sulle capacità comunicative e sulla capacità di restare concentrati sull’obiettivo di qualsiasi amministrazione, ovvero amministrare per tutti i cittadini con la massima trasparenza e comunicazione.

    • Nel pezzo si legge chiaramente che dal Comune confermano che i controlli sono in corso…

  5. Che vergogna, che imbarazzo. Invece che mandare i vigili a controllare il territorio, gli fanno fare queste cose fasciste e intimidatorie.
    (Con i soldi dei contribuenti).

  6. Davvero una bassezza… ma se il consiglio comunale l’ha voluto fare anche il sindaco perchè controllare le firme?

  7. La miglior risposta possibile a questo atto e’ partecipare in massa al Consiglio Comunale di questa che trattera’ delle bonifiche nelle aree dismesse.

  8. Speriamo che la gente se ne ricordi per le elezioni amministrative e le regionali. Lega e fascisti sono pericolosi.

  9. perchè non usano i vigili in modo più sensato? controllare il territorio, multare i padroni dei cani che non puliscono lo sporco lasciato, allontanare i vari accattoni davanti a negozi e supermercati. se volessero di lavori ce ne sarebbero tanti da fare. i fagioli ormai sono alla frutta

  10. A casa di mia madre di 86 anni che aveva firmato assieme a me…. per quanto i vigili siano stati gentili, si può immaginare come la cosa abbia creato spavento in una persona di quell’età….

  11. ma dove li hanno trovati i sigg Fagioli? Ma non c’è nessuno in direzione della Lega che intervenga per farli ragionare?

  12. Finalmente un po di ordine anche sulla raccolta firme, sono sempre state tutte vere?
    Chi è senza peccato scagli la prima pietra, questa amministrazione fa tutto secondo le regole, nessuno ha mai fatto in egual modo. Avanti così amministrazione Fagioli.

    • Ma per favore… Le regole dicono anche che non si può occupare suolo pubblico, imbrattare muri ecc eppure Telos lo fa regolarmente, sotto gli occhi di tutti.
      Fiscali solo con le cose di poco conto

  13. Anche da me sono venuti. Chi aveva firmato non c’era. Vorrei capire alcune cose:
    1. Mi e’ parso di capire che le firme raccolte servivano per chiedere un Cons Com. aperto sul tema ex Cantoni. Mi e’ parso anche di aver letto che il Sindaco ha già deciso di fare tale Coms. Com. aperto. Quindi a che cosa serve la verifica delle firme ?
    2.Mandare a fare questo controllo la polizia locale con un mezzo di servizio mi sembra alquanto inopportuno. Come giustamente fatto in passato bastava verificare la corrispondenza delle firme con quelle depositate all’anagrafe e controllare solo quelle difformi, magari mandando un funzionario e non la polizia locale.
    3. Sarebbe interessante sapere quante volte sono state controllate le firme relative a petizioni presentate dall’opposizione ai tempi della giunta Porro

  14. Al di là di tutto si parla di una tematica importantissima per tutti i cittadini, amministratori compresi. Quindi a che pro questa verifica? Dovrebbero essere strafelici di avere un consiglio comunale aperto, anzi non dovrebbero neanche servire le firme, dovrebbero essere gli amministratori i primi a voler comunicare e soprattutto a DOVER comunicare. Massima trasparenza sempre. Davvero allibito per queste mosse. Ma vi rendete conto oppure no?

    • Sono certe che la Giunta Porto non ha mai fatto questo tipo di controllo. Bastava la verifica in ufficio.

      È una pratica intimidatoria, per mettere in difficoltà i cittadini che hanno democraticamente manifestato un’ esigenza.

  15. Stasera tutti in Consiglio Comunale e…. che si parli del tema dell’inquinamento della Cantoni, non di altro, lasciando il debito spazio a tutti i cittadini che vogliono intervenire. Questa azione di controllo nelle abitazioni dei firmatari mi sembra una intimidazione fascista.
    Avrebbero potuto farlo con altre modalita’, piu’ rispettose dei cittadini e dei consiglieri che hanno autenticato le firme presenziando ai banchetti. Che vergogna!

  16. Dal controllo del territorio come slogan elettorale al controllo delle firme dei saronnesi. Fagioli per favore “abdica” per manifesta incapacità.

  17. Dopo firme copiate, firme falsificate prendendo i dati da precedenti raccolte firme, le firme della Bonino, le non firme di Formigoni e tante altre infrazioni.
    Un controllo male non può fare.

    • Sì ma un controllo è effettivamente lecito per questioni amministrative importanti, o cose che possano comportare una spesa.
      Qui parliamo di cittadini che chiedono di poter avere informazioni e fare domande liberamente ai propri amministratori.
      Non ci vuole molto per capire che dovrebbero essere gli stessi amministratori a voler rispondere, a proporre un consiglio comunale aperto, a voler garantire la massima trasparenza.
      Qui invece sembra quasi il contrario, quindi al di là del tifo questa mossa è sinceramente indifendibile e la ritengo anche un grosso autogol.

      Di qualsiasi colore politico un amministratore pubblico è chiamato ad amministrare la cosa pubblica sempre con la massima chiarezza e trasparenza, oltre a dover essere sempre disponibile a ricevere domande e fornire risposte, magari prendendosi il tempo necessario per elaborarle, come è giusto che possa essere, ma fornendole.
      Non servono raccolte di firme per questo.
      Si chiama correttezza, responsabilità e buon senso.

  18. Ma veramente… Siamo alla follia, tra due anni con questa gente CHIUSO, trovatevi un vero lavoro

  19. Ci aspettiamo la stessa solerzia nella vigilanza sulla correttezza della propaganda elettorale (vedi manifesti strappati…)

Comments are closed.