bocedi SARONNO – E’ stato il primo a lanciare l’allarme ed ora che del problema parla tutta la città è intenzionato a fare qualcosa di concreto per migliorare la situazione: parliamo di Paolo Bocedi che sabato mattina scenderà in piazza con sacchi per la raccolta differenziata e ramazza per “pulire lo schifo che extracomunitari ed altri cittadini hanno lasciato nelle aiuole e lungo la piazza”.

L’appuntamento è fissato per sabato 20 aprile alle 11:”Alcuni esponenti dell’associazione Sos Italia Libera – spiega il presidente Bocedi – il numero uno dell’associazione proprietà edilizia, l’avvocato Germinetti, l’ambasciatore saronnesi Uzupis Giampaolo Terrone e alcuni commercianti di Saronno saranno in piazza per pulire quello che altri fingono di non vedere”.

Insomma le foto dei rifiuti abbandonati mostrate da una residente della zona hanno colpito nel segno e dopo Luciano Silighini anche altri saronnesi sono pronti a rimboccarsi le maniche per migliorare il decoro della piazza il cui degrato è stato stigmatizzato anche dall’ex primo cittadino Pierluigi Gilli. “Ovviamente invitiamo tutti i saronnesi di buona volontà a dare il proprio contributo, insieme riporteremo l’igiene e il decoro nel cuore di Saronno”.

 

1 commento

  1. così si scopre che Saronno è sporca, era ora ! – ma se ne sono accorti i cittadini e non gli addetti ai lavori ( comune ed Econord ) – pulire però non basta bisogna anche applicare tolleranza zero per chi sporca, chi sporca paga come pagano la tarsu i saronnesi che fanno la raccolta differenziata e tra poco si vedranno aumentare le tariffe – non sta ai cittadini pulire, sta ai cittadini non sporcare, sta alla amministrazione vigilare ed intervenire senza ipocrite remore pseudo-ideologiche – se qualche assessore dice che non ce la fanno a trovare i colpevoli vuol dire che non ci si sforza di trovare qualche soluzione ( altri comuni l’hanno fatto , telecamere funzionanti e sorveglianza ) e che tutto sommato è meglio lasciare che anche in questo caso i cittadini protestino e poi si arrangino o si dimentichino – ancora una volta NIENTE SERVIZIO AL CITTADINO CONTRIBUENTE ! – ma non dimentichiamo che il cittadino poi è chiamato a giudicare e votare – MEDITATE !

Comments are closed.