SARONNO – “E’ stata la pagina più triste e buia della nostra città sul fronte degli scontri e delle contestazioni”. Così l’ex sindaco Luciano Porro ha iniziato a raccontare, durante l’udienza di giovedì mattina al tribunale di Busto Arsizio, quanto accaduto il 25 aprile 2014 quando durante il corteo per la celebrazione della Liberazione avvennero dei tafferugli per cui sono finiti alla sbarra 19 imputati. Diverse le accuse resistenza, violenza, oltraggio e minacce a pubblico ufficiale, molestie e disturbo alle persone.

L’ex primo cittadino è stato il primo testimone ad essere ascoltato nel corso del procedimento che giovedì 19 gennaio era stato rinviato. Davanti al giudice Giovanni Falessi Porro ha parlato per poco meno di un quarto d’ora.  Ha riepilogato quanto accaduto quel giorno quando durante il corteo c’erano state dure contestazioni a lui e all’Amministrazione fino ad arrivare ai tafferugli: “I disordini avvennero alla fine del corteo. Noi non fummo aggrediti, nel senso fisico. E in ogni caso fino a quel momento si era rimasti nell’alveo della contestazione verbale legittima, il dissenso nel nostro Paese è possibile, siamo in democrazia. C’erano state critiche forti ma democratiche”.

Al termine della testimonianza l’udienza è stata rinviata a maggio quando saranno ascoltati alcuni dei tutori dell’ordine intervenuti. Come avvenuto in passato all’esterno del tribunale si è tenuto un presidio di solidali davanti ad un massiccio spiegamento di uomini della polizia di Stato.

29012017

8 Commenti

  1. Certo che definire le contestazioni dei telos democratiche è del tutto falso , quando mai i telos sono stati democratici ?
    ancora oggi Porro ed il suo partito , quasi sono ancora a difesa dei telos !!!!!…..ci vorrebbe far intendere che i telos sono solo ragazzi democratici .

    • Anonimo signore
      vedere sempre il buio per partito preso abitua a non vedere la luce.
      Purtroppo per Saronno adesso di luce non se ne vede più.

    • …sempre lì a esagerare, sempre lì a spararle grosse, a sostituire i giudizi sereni con i giudizi faziosi, come se l’altro sia sempre un nemico da abbattere, da odiare
      ..mi avete davvero rotto!

Comments are closed.