SARONNO – “Siamo davvero sorpresi di quanto sta accadendo su questo progetto avevamo ottenuto diversi mesi fa un finanziamento di oltre un milione di euro e solo il giorno in cui parte il cantiere apprendiamo dell’intervento precipitoso della Soprintendenza”.

Inizia così la nota del sindaco Alessandro Fagioli in seguito allo stop al cantiere dell’ex Saronno Seregno per la demolizione dei due ponticelli di via Reina e di via Don Monza.

Il sindaco non è intenzionato a prendere particolari provvedimenti: “Restiamo in attesa degli eventi, non possiamo fare altrimenti visto che la competenza è di Ferrovienord

Fagioli conclude con amarezza ritornando sul tema della pericolosità dei due passaggi: “Rimane il fatto che i due ponticelli sono comunque pericolosi per la circolazione di ciclisti e soprattutto pedoni che transitano nella zona, uno dei motivi per cui si era scelta questa soluzione: da questo momento non mi prendo la responsabilità di quei tratti di strade che sono pericolose per ciclisti e pedoni. Noi volevamo e vogliamo renderli sicuri. Di certo so che si tratta di un progetto che coinvolge undici comuni del circondario e resta fermo al palo”.

18 Commenti

  1. Quale progetto? il suo che prevede un tangenziale come pubblicato anche da questo giornale ?
    Tutta Saronno è più pericolosa in questi due ultimi anni. Un lettore, recentemente, invitava il Comune a mettere un autovelox in via San Giuseppe tarandolo a 70 KM/H, il Comune avrebbe incassato molti soldi. Io penso che tarandolo a 80 KM/H incasserebbe ugualmente tanti soldi!
    Il Sindaco si ricordi che deve amministrare nell’interesse di tutti i cittadini.

  2. Tutto questo perché i ponticelli sono pericolosi per pedoni e ciclisti?
    A questo punto si potevano allargare senza abbatterli completamente. Ovvio che la strada va chiusa, e vanno fatti lavori diversi, ma era una soluzione.
    Continuo a ritenere veramente strana questa vicenda.

  3. Chi ha bloccato i progetti dovrà rispondere del danno arrecato alla città ed ai cittadini. Fagioli e Lonardoni non vi arrendete, noi cittadini siamo con voi!!

    • Egregio sig. Cittadino Dop, parli per lei. Sono state raccolte oltre 400 firme per avere un consiglio comunale aperto, il Sindaco è obbligato a farlo! Non mi sembra un comportamento da Sindaco procedere prima del Consiglio Comunale Aperto. Sono state raccolte anche circa 2000 firme contro l’abbattimento. Sopra tutto detta sospetto questa frenesia, da farsa lo scarico barile tra Trenord e Comune!

  4. la responsabilità è di Ferrovie Nord che le rimbalza sul comune…siamo alla farsa. La realtà è che demolendo quei ponticelli tutti sarebbero stati costretti ad accettare il progetto (che non c’è) di ciclovia a raso.

    Pinocchio…Pinocchio

  5. Finalmente piove….forse perche’ il sindaco ha parlato.
    Ma….quei ponti esistono da quasi 100 anni e non sono mai stati pericolosi per ciclisti e pedoni ( infatti non ci sono mai stati incidenti ! ) Forse dovrebbe occuparsi di piu’ di altre situazioni. Tanto per rimanere in zona: il doppio senso in via Ungaretti pericolosissimo per gli abitanti visto il continuo passare di autotreni e auto diretti alla palestra e al minigolf. La situazione nella zona del parco aquilone dove quando non piove un giorno si e l’altro ci sono problemi di ordine pubblico. I marciapiedi della via Lorca sono in pietose condizioni da decenni e si rischia sempre di cadere…e considerate che ci sono molti bambini che vanno al tennis….per non parlare della situazione della zona di saronno sud ormai terra di nessuno. Forse prima dei ponti ci sono altre priorità !

  6. Piove finalmente…e il sindaco parla.
    Per prima cosa non si capisce la pericolosità di tali ponti visto che esistono da oltre 100 anni e non mi sembra siano mai successi gravi incidenti a pedoni o ciclisti. in secondo luogo credo che in città esistano altre priorità per esempio ( giusto per rimanere in zona ): la stazione di Saronno sud ormai terra di nessuno, il doppio senso in via Ungaretti molto pericoloso per il transito di numerosi autoveicoli, autotreni e autobus, problemi di ordine pubblico nella zona del parco aquilone, i marciapiedi di via Lorca in una situazione pietosa da molti anni. Affermare che “…da questo momento non mi prendo la responsabilità di quei tratti di strade che sono pericolose per ciclisti e pedoni…” con tutti i problemi di sicurezza mi fa pensare che probabilmente siano altri i motivi della richiesta di abbattimento. Come disse qualcuno a pensar male si fa peccato ma…..

  7. Che figuraccia! Arrivare a questo punto senza pensare che la Sovrintendenza avrebbe potuto fermare tutto.
    E adesso altro che attendere gli eventi: si faccia la cosa più logica e più economica. Si costruisca la ciclopedonale sulla massicciata senza sbancare e senza abbattere i ponticelli. Ci voleva tanto?

  8. si faccia finalmente un bando per la ciclopedonale: ammesso che la Sopraintendenza ammetta la demolizione dei ponti (e della massicciata) il bando deve prevedere nessun attraversamento di ciclabile con le strade, quindi ponti o sottopassaggi…e che vinca il progetto migliore, non questo non progettp

    • Spero NON in un sottopassaggio, visto che sono notoriamente luoghi per tossici e altra gente poco simpatica

      • il bando vuol dire che metto a concorso più progetti e decido per il meglio…non confondete la burocrazia (che ha inventato un bando di massima senza progetto esecutivo) con quello che normalmente si fa per progettare qualunque opera. Fa niente, stiamo tornando al presidente operaio e al ponte sullo stretto.

        • Il problema è che il 90% della gente che parla non conosce la differenza tra un progetto di massima ed un progetto esecutivo

  9. Davvero non riesco a capire perché non far convivere l’attuale massicciata con una utile ciclovia….Non capisco la necessità di farla a Raso, e perché non si può semplicemente riutilizzare il tracciato attuale, che per altro essendo sopraelevato in alcuni punti lo trovo anche più sicuro. Ma mi riservo la possibilità di non aver capito io il progetto. Dove è possibile reperire informazioni?

  10. iniziano i lavori e tac , arriva la sovraintendenza e si blocca tutto!!! in effetti è una delle poche cose non ancora imbrattata dai telos. Forse anche loro hanno capito l’ immenso valore artistico. rutto molto strano.

Comments are closed.