CERIANO LAGHETTO – Dal Pozzo agli ottavi di finale di Coppa Lombardia, sono i dirigenti gialloverdi a riepilogare la marcia compiuta dalla squadra in questa manifestazione ed i futuri appuntamenti.

“Siamo partiti dal girone da quattro squadre. A iscriversi in tutta Lombardia sono state 137 formazioni. Dopo avere superato il girone contro Sporting Cesate, Robur Saronno e Limbiate, dopo aver battuto ai rigori la Cogliatese, siamo approdati agli ottavi di finale. Sono rimaste solo 16 squadre, provenienti dai diversi campionati provinciali”. Ecco le sfide degli ottavi coi rispettivi campionati di appartenenza: Azzurra (Como, girone B)-Mocchetti (Legnano, girone B); Dal Pozzo (Como, girone B)-Aurora Desio (Monza Brianza, girone B), Ardenno Buglio (Sondrio, seconda e terza girone X)-Amici Mozzo 2008 (Bergamo, girone A),
Passirano Camignone (Brescia, girone A)-Ares Redona (Bergamo, girone B), Flero (Brescia, girone B)-Serle (Brescia, girone C), Soave (Mantova, girone A)-Gottolengo (Brescia, girone B), Sergnanese (Cremona, girone A)-Pioltellese (Monza Brianza, girone A), Viqueira (Pavia, girone B)-Iris 1914 (Milano, girone B).

Come per i sedicesimi, e come sarà per i quarti, il regolamente prevede una sfida unica da disputare in casa o in trasferta a seconda di quello che dirà il sorteggio. In caso di parità dopo i 90 minuti si andrà direttamente ai calci di rigore. Gli ottavi si giocheranno giovedì 22 novembre, “e noi affronteremo l’Aurora Desio. Le partite degli ottavi scritte sopra sono già aderenti al tabellone della competizione, quindi la vincente del primo ottavo affronterà la vincente del secondo ottavo, e così via dicendo fino alla finale. I quarti saranno il 7 marzo, le semifinali, che invece saranno andata e ritorno, si giocheranno il 4 e il 18 aprile. La data della finale, in partita secca e campo neutro, è ancora da stabilire. La vincente della Coppa Lombardia è promossa in Seconda Categoria. Appuntamento quindi per giovedì 22 novembre per il primo ottavo di finale della nostra storia – l’invito rivolto dal Dal Pozzo – Non appena sapremo dove verrà disputato vi informeremo, per il momento vietato prendere impegni”.

10112018

3 Commenti

  1. Scusate l’ignoranza (calcistica).
    Ho notato che la tifoseria del Dal Pozzo è abbastanza nutrita e “pirotecnica” a giudicare dalle foto: qualcuno mi sa spiegare qualcosa in più? Sembrerebbe più numerosa anche del vecchio FRS. Attendo chiarimenti in proposito da chi ne sa di più, sono incuriosito. Grazie in anticipo.

  2. Ritengo il Dal Pozzo un progetto sportivo molto interessante. E’ a tutti gli effetti un’esperienza che appartiene al Calcio Popolare che si sta diffondendo sempre più negli ultimi anni. Un’idea che, partendo dalla passione per il pallone, rende la squadra patrimonio dei tifosi e di chi la sostiene. Un’idea di società sportiva con valori ben definiti e, soprattutto, partecipata. Dove le decisioni sono prese dall’assemblea dei soci/tifosi che promuovono l’azionariato e la raccolta fondi per la vita della squadra. Nel Dal Pozzo non ci sono sponsor esterni, un presidente padrone che mette o esonera allenatori, ma soci che sottoscrivono una quota/tessera per la stagione. Oltre a promuovere una vita sociale sul territorio. Infatti, i fondi sono raccolti attraverso un’intensa attività gestita dai soci e aperta a chiunque voglia avvicinarsi: cene, feste, eventi culturali. Il progetto per ora riguarda la prima squadra che partecipa al campionato di terza categoria, so che si vuole allargare anche all’attività giovanile di base e ai più piccoli. E’ già stata fatta un’esperienza di “gioco sport” per i bimbi la scorsa estate. Il problema resta la mancanza di strutture adeguate e in gestione diretta. Infatti il Dal Pozzo è nomade, oltre che nell’animo, anche nel concreto. Ha trovato ospitalità a Gerenzano per gli allenamenti e usa il campo della Serenissima a Limbiate per il campionato. Con relative spese d’affitto da sostenere. I suoi tifosi, sempre numerosissimi, sostengono la squadra in maniera pirotecnica, è vero e sempre a favore dei propri colori e, da notare, mai contro avversari o arbitri. Promuovono il terzo tempo con gli avversari, insomma una bella realtà migliorabile, ma che vive dell’entusiasmo e dell’impegno di tanti soci tifosi. Le partite in casa so che sono ogni domenica alle ore 15.00 come sempre pubblicizzato dai tifosi masnadieri!

Comments are closed.