Home Città Il Comune replica allo studente multato: “Poteva pagare con l’app. Al massimo...

Il Comune replica allo studente multato: “Poteva pagare con l’app. Al massimo erano 12 euro non 15”

629
4

SARONNO – Riceviamo e pubblichiamo la nota dell’Amministrazione comunale in risposta all’intervento dello studente multato lo scorso 8 ottobre dopo la Trevalli

In merito all’articolo pubblicato dal quotidiano on-line IlSaronno lo scorso 10 ottobre 2019 dal titolo “Multato studente bloccato dalla Tre Valli: non avevo 15 euro in monetine”, l’Amministrazione precisa quanto segue.

In primo luogo è importante sottolineare che l’Amministrazione ha dato ampio spazio alla notizia relativa la modifica della circolazione nella mattinata di martedì 8 ottobre, attraverso conferenze stampa, comunicati stampa, ordinanze pubblicate sul sito internet comunale (www.comune.saronno.va.it), sulla pagina ufficiale di Facebook (Città di Saronno) e sul settimane ufficiale Saronno Sette.

Si evidenzia altresì che il parcheggio in questione è dotato, come la stragrande maggioranza delle aree di sosta presenti in città, di pagamenti attraverso un’apposita app scaricabile gratuitamente su tutti i dispositivi informatici. Il che significa che il ragazzo che ha denunciato l’accaduto, avrebbe potuto tranquillamente pagare anche attraverso tale apparecchiatura e non solamente in denaro contante.

Non si comprende inoltre perché nell’articolo si parli di 15 euro, in quanto il costo massimo complessivo, nel caso si utilizzasse il parcheggio tutto il giorno, è di 12 euro (1 euro all’ora per 12 ore totali, dalle 8 alle 20).

Si ricorda inoltre che nelle zone limitrofe, precisamente in via Ferrari, è presente un altro parcheggio con tariffa ancora più conveniente, con un costo massimo di 3 euro al giorno e che dista pochi metri da quello in cui il ragazzo ha deciso di parcheggiare. Un’altra area di sosta, in questo caso completamente gratuita, è presente nei pressi della stazione Saronno Sud.

(foo archivio)

16102019

4 Commenti

  1. 12 o 15 il principio non cambia. Non puoi chiudere una città senza autorizzazione dei cittadini..senza pensare a scappatoie in caso di necessità. È una sorta di sequestro collettivo. Parliamo di benefici di una scelta di pochi????

  2. troppa importanza alla lamentela del ragazzo che doveva pagare . ad essere precisi sono dieci euro perché se non ricordo male nella fascia oraria 12.30 /14.30 non si paga

  3. Per pagare con l’app occorre esporre sul mezzo l’adesivo che identifica appunto i mezzi la cui sosta viene gestita attraverso l’app stessa

Comments are closed.