CERIANO LAGHETTO / SARONNO – “Va avanti la bonifica dell’ex “Bosco della droga” ai margini della ferrovia Saronno-Seregno. Anche ieri sono stati, tra l’altro disotterrati 4 cellulari dei pusher, messi a disposizione degli inquirenti. Noi ce la stiamo mettendo tutta, ma per far sì che non tornino spacciatori e zombies serve che la gente normale torni ad “invadere” pacificamente questi boschi! O noi o loro!” A fare il punto della situazione il vicesindaco ed assessore alla Sicurezza di Ceriano Laghetto, Dante Cattaneo, tutti i giorni presente nel bosco per partecipare alle opere di bonifica con i volontari del Gst, il Gruppo di supporto territoriale che con un metal-detector sta collaborando con la vigilanza urbana nelle “pulizie”.

Nel bosco vicino alla stazioncina di Ceriano Groane è stato trovato di tutto, dalla cocaina ai computer, dai machete ai coltelli, ai bilancini di precisione ed anche una pistola a salve; e molti oggetti erano stati accuratamente sotterrati dagli spacciatori, probabilmente per essere recuperati successivamente o utilizzati nel momento in cui si fossero trovati sul posto.

29052020

9 Commenti

  1. C’è chi si mette in discussione e rimbocca le maniche e si sporca le mani e chi fa comparsate inutili in questo momento mentre il proprio comune è fuori controllo.
    Solaro è ridotta in macerie ma non ci dimenticheremo di voi.
    Grazie di tutto

    • Dante dovrebbe misurarsi con una Città come Saronno. Fagioli va bene solo con la pasta

  2. Studiare il significato della parola Qasba (translitterato anche Casbah) che non ha nulla a che vedere con la situazione . Per usare una parola araba a caso almeno usare suq (o suk) che ha quantomeno il significato di mercato

  3. Spettle Redazione
    La prossima volta usate il termine “fortino” al posto di “casbah”, grazie

Comments are closed.