SARONNO – Applausi scroscianti hanno accompagnato l’esibizione del tenore Roberto Iuliano mattatore della serata interpretando Pollione al fianco degli artisti Renata Campanella (Norma), Mirouslava Yordanova (Adalgisa), Massimiliano Catellani (Oroveso) e con un narratore d’eccezione nella figura di Giorgio Apollonia per l’evento organizzato ieri sera, in occasione dell’apertura del percorso museale, con la messa in scena in forma di concerto di Norma di Bellini, opera scritta dal maestro siciliano proprio sulla personalità vocale e musicale di Giuditta Pasta, modellando l’aria Casta Diva sul suo particolare timbro vocale.. Le note dell’ensemble composto da Beatrice Marozza (primo violino), Franco Tomasi (secondo violino), Giampaolo Guatteri (viola), Antonio Amadei (violoncello) e al pianoforte Vittoria Primavera hanno risuonato in una villa Gianetti luminosa e per una sera tornata ad essere il cuore pulsante del centro Saronnese.

Organizzatori della serata, oltre a Daniela Nasi e la collaborazione dell’assessorato alla cultura di Mariassunta Miglino, i membri dell’Associazione Amici della Lirica, ente cittadino guidato magistralmente da Memi Pollastri coadiuvata dall’esperienza della soprano Anna Maria Pizzoli e da Giuseppe Oldani, volto storico dell’organizzazione lirica italiana, seduti soddisfatti in prima fila ,da Fulvio Morisi, Erminio Venuto e dalla preziosa Francesca La Gala che insieme a Manuela Santini ha consegnato un pensiero floreale offerto dal vivaio di Mauro Lattuada per le artiste che si sono esibite.

Il pubblico, rigorosamente distanziato occupava i 200 posti disponibili (100 riservati al Comune per le autorità e 100 all’Associazione amici della lirica che hanno deciso di donare qualche posto al pubblico che ne ha fatto richiesta alla mail dell’ente) è rimasto incantato chiedendo un bis alla soprano Renata Campanella che incitata da Roberto Iuliano ha dedicato al pubblico, che attorniava anche la cancellata di Via Roma, ”Casta Diva”.

Sulla destra del palco, non tra gli invitati del Comune, il parterre di politici locali: Pierluigi Gilli in prima fila al fianco di Franco Casali, Luciano Silighini con Francesco Banfi e Luca Langinotti, subito dietro Luca Mantegazza, Valeria Checchi, Cesare Cenedese, Graziana Cosetto, Angelo Leva E Annalisa Renoldi. Tra i posti riservati al Comune oltre a Mariassunta Miglino e Pierangela Vanzulli che hanno preso la parola aprendo e chiudendo la serata, si è visto Dario Lonardoni ed altri esponenti della maggioranza.

 

7 Commenti

  1. Cioè il comune invita solo gente della maggioranza e non i consiglieri comunali ? Ma siamo alle comiche

    • Anonimo guarda che c’erano Casali ,Banfi , Gilli , che non sono della maggioranza… prima di scrivere un pò di attenzione non guasterebbe

      • Ma cosa stai dicendo guarda che quelli non li ha invitati il comune ma la lirica leggi !!!!

      • Guardi che i vari esponenti politici sono stati invitati dagli amici della lirica, non dal comune. Antonio faccia lei attenzione

  2. Longinotti alla fine da che parte sta?
    Forse da quella del vincitore quindi si tiene aperte tutte le strade.
    La poltrona fa gola a tutti.

  3. Mah!
    Viste le foto con Silighini in mezzo agli unici politici presenti mi viene qualche dubbio,non è che dietro c’è la sua regia fatta come al solito per creare problemi al sindaco Fagioli?
    Per quale motivo gli amici della lirica avrebbero dovuto invitare dei consiglieri comunali uscenti o un candidato sindaco?
    Forse sono stati manovrati inconsapevolmente o si sono schierati anche loro?

Comments are closed.