SARONNO – L’associazione degli studi giuridici sull’immigrazione e Naga, associazione volontaria di assistenza socio sanitaria e per i diritti di cittadini stranieri stranieri, rom e sinti hanno presentato al tribunale civile di Milano un’azione civile contro la discriminazione (in base al testo unico sull’immigrazione) sulle dichiarazioni comparse su manifesti e a mezzo stampa, con cui la Lega Nord di Saronno ha attribuito la qualifica di clandestini ai richiedenti asilo che avrebbero dovuto arrivare in primavera nella sede staccata del liceo scientifico Gb Grassi di via Buozzi.

A presentare l’azione legale, questa sera in una conferenza stampa alla Casa del partigiano che ha visto la partecipazione come pubblico di diverse realtà cittadine che si sono impegnate per sostenere l’accoglienza e anche del prevosto monsignor Armando Cattaneo, l’avvocato Alberto Guariso.

In sostanza si fa riferimento ai manifesti, e ad alcune dichiarazioni rilasciate ai giornali, in cui il Carroccio saronnese sosteneva “Saronno non vuole clandestini. Renzi e Alfano vogliono mandare a Saronno 32 clandestini, vitto, alloggio e vizi pagati da noi nel frattempo ai saronnesi tagliano le pensioni ed aumentano le tasse”

“Per la particolarità di questa vicenda e per la passione con cui è stata seguita – ha esordito il legale – abbiamo derogato alla regola che non si parla della causa prima della sentenza. In questo caso vale la pena di parlane prima per spiegare il significato di questo ricorso“.

E spiega: “La tesi giuridica è che ci siano dei limiti anche nel dibattito politico nel quale non è consentito qualsiasi tipo di espressione”. In sostanza si ritiene che ci sia una discriminazione “anche sotto la fattispecie delle molestie” nell’attribuzione della qualifica di “clandestini” ai richiedenti asilo che la Prefettura aveva destinato alla struttura di accoglienza di Saronno. La molestia in questo caso si configgerebbe “violando la dignità di una persona e creando un clima intimidatorio, ostile, degradante, umiliante od offensivo”.

Guariso entra nello specifico: “La qualifica di clandestino contraddistingue un comportamento delittuoso nel nostro Paese e quindi attribuirlo ad una persona significa attribuire un comportamento costituente reato”.

“Si configura – si legge nel ricorso – così inevitabilmente il reato di diffazione, posto che l’attribuzione di un comportamento così qualificato configura senza dubbio la lesione della qualità morale e dunque della reputazione dell’individuo”.

“Non andiamo lì a litigare – chiarisce l’avvocato – ma a metterci d’accordo su come sia giusto affrontare il delicato tema dell’immigrazione. Nessuno vuole ledere il diritto di espressione semplicemente che questo venga esercitato in specifici canali. Sei contro politiche dell’immigrazione? Dillo liberamente ma non puoi dire che 32 persone che sono qui ad esercitare il diritto di chiedere asilo (diritto sancito dallo Stato) abbiano commesso un reato.

Questo tipo di azione legale è stata intrapresa in passato contro all’eurodeputato del Carroccio Gianluca Buonanno (recentemente scomparso) che, nel corso di un dibattito televisivo, ha definito i rom“feccia della società” e contro l’ex assessore leghista Cristiano Borghi che sul giornalino comunale di Gerenzano aveva invitato a non affittare le case agli stranieri. 

La prima udienza si terrà al tribunale di Milano il 30 novembre “se la nostra tesi dovesse essere accettata – conclude Guariso – sarebbe la prima volta che si sancisce il termine clandestino come offensivo”.

17112016

 

 

33 COMMENTI

  1. Sarà come dicono questi illustri pensatori, però il 95% dei presunti profughi viene definito dalle competenti commissioni CLANDESTINO. Quindi almeno 30 su 32 saranno, statisticamente, clandestini. Perdita di tempo in tribunale.

    • pensatori? forse, ma come diceva C.Bukowski “pensare troppo porta a grandi errori; ciò detto, basta vedere sul Saronnese chi sono i responsabili dei furti, rapine di cellulari a studenti ecc ecc. Fare una statistica costa poco.

  2. No è uno scherzo, ditemi che è uno scherzo!!! Non posso crederci che questi arrivino a tanto. Addirittura un’azione legale contro dei manifesti.
    Ma perché la stessa mobilitazione non è stat apresa per tutti i danni causati dai telos?

  3. e queste due associazioni da dove saltan fuori? povera saronno, povera italia. sempre piú in basso.

  4. Beh, nessuno ha vietato loro di chiedere asilo politico tramite una delle tante, e più facilmente raggiungibili rispetto a un viaggio in mare, ambasciate italiane in Africa. Il problema, dal momento che meno del 10% delle domande vengono accolte, è che se te la rifiutano rimani là, invece una volta entrato in UE ora che ti rimpatriano ai voglia. Per cui, clandestini si, fino a quando non viene loro riconosciuto lo status di rifugiato.

  5. Veramente comico il fatto che gli stessi che si affannano a coprire la vergogna di aver solo fatto finta di voler accogliere i famosi 32 in un sito che sembrava fatto apposta per essere bloccato dal sindaco leghista, si siano poi dati da fare per portare in giudizio la Lega di Saronno perché ha diffamato i richiedenti asilo (della sorte dei quali a nessuno è importato niente), avendoli chiamati clandestini.
    Intanto sono passati nove mesi e la situazione dell’accoglienza non si è sbloccata perché nessuno vuole dire la verità e cioè che le suore della Presentazione non vogliono i richiedenti asilo perché vogliono vendere l’immobile.

    • Sono con te ……😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂

  6. E poi nn ci mettiamo del nostro😂😂
    Ormai nn dobbiamo stupirci più di niente ….
    Un paese allo sbando… Senza via di uscita ormai

  7. Gente in malafede, è solo gente in sporca malafede votata alla causa di difesa a oltranza di rom, sinti e stranieri di dubbia provenienza che, fino a prova contraria, SONO clandestini.
    Sta gente nega bellamente quanto emerso dalla ricerca svolta dal sindaco di Lazzate Andrea Monti: “Su 3114 migranti arrivati in Brianza, solo 19 sono veri rifugiati!” Vedere articolo del 12/10/16 de Il Saronno http://ilsaronno.it/2016/10/12/lazzate-andrea-monti-su-3114-migranti-arrivati-in-brianza-solo-19-sono-veri-rifugiati/

  8. Il fatto che non abbia mai sentito dell’esistenza di questi 4 gatti ne denota l’importanza….

  9. Difficile commentare le iniziative intraprese da entrambe le “fazioni”…così come credo sia difficile capire dove sta il peggio del peggio..diciamo che se la giocano fino in fondo..

  10. Povero prevosto oggi ha perso un’altro fedele.Da oggi non andrò più in chiesa.

  11. Marocco, Tunisia, Algeria Egitto, Romania, Albania … tutti paesi in guerra vero?
    e come me lo spiegano questi intellettualoni che il 90 ì% dei reati in Italia viene commesso da gente che con le guerre non ha nulla a che fare? però è clandestino consapevole di esserlo e delinque, perché sa che sarà acciuffato con le leggi ridicole che ci sono in questo paese, non finiranno mai in galera!
    barattiamo? un clandestino delinquente ogni profugo (vero) o qualche associazione “benefica” che aiuta i poveri poi perde il quorum minimo per il rimborso?

  12. E’ uno schifo e basta, ma questi dovrebbero vergognarsi. A forza di andare a prendere CLANDESTINI (perchè la maggior parte questo sono) stanno distruggento il nostro paese. Ormai siamo al razzismo nei nostri confronti, se sei Italiano devi solo pagare, subire e tacere. Che paese di m. che è diventato il nostro!!

  13. Guaglianone non ha più l’età per giocare a guardia e ladri, faccia la persona seria e adulta.

  14. Ma un’associazione che invece si impegni a ricordare a stranieri, rom e sinti come ci si comporta in una società civile e quali sono i loro doveri mai una?

  15. Senza parole, credo proprio che non siamo alla frutta , siamo oltre il digestivo. Ma perché la Chiesa non si prende tutti i profughi ?

  16. Grazie a questa NUOVA Chiesa io non ci entro piu’ credo in Dio ma non alla Chiesa!!!!!
    grazie davvero prevosto ..e medito di ritirare i miei figli dal catechismo!!!!
    Siete inguardabili !!!!!

  17. Ancora non ho letto “prima il nord”…o meglio “prima Saronno”..forza, sotto con i super commenti!

  18. Non capisco.
    Senza entrare nel merito della questione, uno “diffama” i migranti e ad aver diritto a batter cassa non sono i diretti interessati ma associazioni?
    E le spese legali chi le paga?

  19. al di là di questa incredibile bega nominalistica, ancora non capisco perché la proprietà dello stabile (le suore) non facciano la pratica urbanistica in Comune per sistemare la posizione amministrativa!

  20. In risposata a anonimo 76. Finalmente! Dai e dai il muro comincia a mostrare qualche crepa.
    Probabilmente la disponibilità della proprietà era solo un pro forma, sicura che per i noti motivi il progetto sarebbe stato bloccato. La cosa più grave è che, con la scusa del Sindaco “messo di traverso” non si mettono in campo alternative alle “Villette”.
    Quello che non mi piace, in tutta questa faccenda, è la strumentalizzazione del caso non per arrivare all’accoglienza dei richiedenti asilo ma per pura opposizione politica.

  21. Mi capita spesso di vedere/sentire determinati soggetti che viaggiano a sbafo sui treni o che urlano “italia/italiani di ***”, questo senza considerare furti e rapine e altre cose ben peggiori.

    Mi piacerebbe costituire un’associazione pro italiani col solo scopo di chiedere risarcimento ai partiti che difendono difendono questa categoria.

Comments are closed.