alessandro fagioli2SARONNO – Un salvagente viene lanciato ai 230 dipendenti  Anovo finiti in mobilità: a correre in loro soccorso sono Provincia di Varese e Regione Lombardia che, grazie ad un finanziamento dell’Unione Europea, a breve metteranno a disposizione degli addetti percorsi personalizzati finalizzati a favorire il reingresso nel mondo del lavoro.

Le risorse vengono dal Fondo Europeo di adeguamento alla globalizzazione (Feg), uno strumento gestito direttamente dalla Commissione europea che ha l’obiettivo di aiutare i lavoratori a trovare un nuovo impiego ed a riqualificarsi quando perdono il lavoro a seguito di fenomeni quali la crisi economica e finanziaria mondiale.

Grazie a questo strumento Regione Lombardia ha ottenuto il finanziamento di un progetto rivolto ai lavoratori e alle lavoratrici in esubero di tre aziende lombarde del settore Ict-prodotti di elettronica, una delle quali è Anovo Italia Spa con sede in via Banfi a Saronno.

La Regione ha affidato alla Provincia di Varese il compito di identificare l’operatore o il gruppo di operatori idonei a erogare un pacchetto personalizzato di servizi di politica attiva, mirato a reintegrare i lavoratori di Anovo nel mercato del lavoro.

anovo saronno presidi (1)

A breve sarà quindi pubblicato un bando che consentirà di individuare i soggetti accreditati per i servizi al lavoro e per la formazione che erogheranno i servizi.

“Questo progetto si inserisce nel quadro più ampio dell’atto negoziale, accordo che abbiamo siglato con la Regione Lombardia per dare vita ad un programma di azioni finalizzate a rispondere alle criticità che la crisi economica sta facendo emergere nel mercato del lavoro – rileva l’assessore provinciale al Lavoro e Politiche giovanili, il saronnese Alessandro Fagioli – Le risorse messe a disposizione dal Feg consentiranno di attivare 230 percorsi personalizzati e una serie di azioni di sensibilizzazione del territorio con l’obiettivo di favorire la ricollocazione dei lavoratori di Anovo, importante azienda del settore elettronico di Saronno”.

15/02/13