SARONNO – Urla, accuse e la minaccia di ricorrere alle vie legali: non è mancata nulla ieri mattina intorno alle 8,30 al cimitero di via Milano dove si è registrato una tesissima lite tra una famiglia e il persone impegnato in alcune riesumazioni.

Ieri mattina, infatti, erano in programma 5 riesumazioni al cimitero di via Milano. Le famiglie dei defunti erano state convocate alle 8,30 per assistere all’operazione ma quando sono arrivate al cimitero hanno trovato gli operai già al lavoro. Non solo: secondo i saronnesi la procedura seguita non sarebbe stata corretta nelle modalità di esecuzione. Il personale presente ha risposto a tutte le obiezioni sollevate ma i familiari ha iniziato un’accesa discussione.

Urla e grida sono rieccheggiate al punto da spingere alcuni presenti, a richiedere l’intervento della polizia locale. Arrivati sul posto i vigili hanno cercato di riportare la calma tra le parti anche perchè tra i familiari della salma riesumata una donna, in stato interessante, ha avuto un malore proprio durante la discussione. Soccorsa la saronnese i familiari hanno lasciato il cimitero cittadino e si sono recati in Municipio per esprimere ufficialmente tutte le proprie perplessità riservandosi anche di avviare un’azione legale.

La notizia della lite, ma soprattutto quella della mancata attesa dei familiari, ha suscitato molto clamore in città. I riflessori si erano già accesi sui servizi cimiteriali nel mese di gennaio quando il corteo funebre era arrivato al cimitero della Cassina Ferrara dove però non era stato preparato lo scavo. L’Amministrazione aveva spiegato che si era trattato di un ritardo dovuto al terreno gelato e l’azienda era stata sanzionata.

(foto archivio: il cimitero di via Milano)

22032017

7 Commenti

  1. Che altro deve accadere per prendere dei provvedimenti? Possono cambiare le giunte comunali ma se nei settori resta la solita gente a dirigere non si cambia nulla . Datemi del leone da tastiera.

  2. Non si sa cosa è successo, non si sa se i familiari dei defunti si siano comportati correttamente o meno, non si sa quali procedure siano state sbagliate o meno…. Ma che articolo è? un mimino di approfondimento, di spiegazioni… così può essere che non ci sia colpa di nessuno o ci siano state gravi mancanze da parte degli operai..
    Questo articolo non dice nulla, è al massimo una voce,una diceria…..

  3. Sono direttamente coinvolto nella vicenda e vi posso assicurare di avere assistito a scene riprovevoli e raccapriccianti, ho effettuato un video e delle foto che verranno rese pubbliche affinché i responsabili di questo scempio si vergognino per sempre. Colombo Mauro

    • Il giorno dopo dei fatti al cimitero di Saronno veniva ruesumata la salma di mio Padre, penso che la lite relativa all’articolo sia avvenuta nello stesso lotto, ero presente con miei Fratelli e Sorelle, ho deciso di andare all-ultimo momento, parlo del giorno 23.03.alle 11.30, che dire. …sapevo che non fosse un bello spettacolo, reso penso da fattori affettivi ed emotivi, al mio arrivo la zona era transennata e lo scavo già eseguito fino in prossimità del feretro, la squadra era composta da 3 solerti Extracomunitari con la supervisione del Geometra comunale, l-Operaio di colore (brava Persona)…aveva il triste compito di rovistare armato di guanti di gomma, onde recuperare i resti, e poi depositarli nell’apposita cassettina di zinco, …che dire non posso fare confronti perché era la prima volta che assisto a questo rito penoso (spero l’ultima)….so che ci sono cimiteri che versano in condizioni penose, ma posso solo dire che l’esperienza dell’altro giorno nel bene e nel male me la porterò dentro per sempre

    • Il giorno 23. 03 alle ore 11.30 è stata ruesumata la salma di mio Padre x essere successivamente tumulata nell-ossario del cimitero, certo gli Operai (tre extracomunitari)….non erano certo degli attenti archeologi, ..ma dei solerti Muratori costretti a riesumare 5 salme ogni mattina, con l’ausilio di piccole ruspe ecc.,Il Geometra del comune sovrintende alle suddette operazioni, come lei capirà dopo 16 anni di sepoltura sotto terra, i resti umani sono in condizioni pietose, fermo restando che anche in questi casi bisogna procedere nel rispetto del defunto e anche dei Parenti presenti, ….però gli Addetti non hanno colpa, la mancanza di senzibilita’…è da addebitare a chi muove le fila dei servizi cimiteriali magari speculandoci, io ho presenziato all-ultimo momento insieme ai miei Fratelli e Sorelle, è un dolore che si rinnova, e una esperienza che nel bene e nel male mi porterò dentro per sempre

  4. Come mai non pubblicate la mia mail? Sono il diretto interessato! Forse qualcuno ha la coda di paglia? Complimenti alla fantasiosa giornalista

Comments are closed.