ORIGGIO – “Adesso che ho un contratto a tempo indeterminato posso comprarmi la lavatrice”: il commento di uno dei corrieri che lavorano per Amazon ad Origgio, anche se dipendenti di cooperative e società esterne, ha commesso tutti i presenti alla riunione che ieri sera a Milano ha concluso la vertenza iniziata in mattinata.

Tutto è partito alle 6,15 quando i lavoratori hanno bloccato i cancelli del deposito di Origgio e quello dell’area di sosta di via Lura a Caronno Pertusella. Sono intervenuti i responsabili di Amazon e anche quelli delle società che forniscono il servizio di consegna. Il blocco è stato interrotto, è continuato solo il presidio proprio per la disponibilità ad un incontro che si è tenuto alle 17,30 a Milano.

Alla fine del confronto, intorno alle 21, è arrivata la firma dell’accordo. I trenta lavoratori della cooperativa con cui c’erano più problemi saranno assunti a tempo indeterminato, dal primo giugno, dalla società Navire che ha accettato, ultimato un necessario periodo di transizione, di assumere tutti i lavoratori con il contratto logistico. Sono stati regolati gli orari lavoro e sono state decise delle indennità migliorative.

“Sono state accolte tutte le richieste e non solo è stato previsto un programma di incontri per verificare l’evolversi della situazione – spiega Emanuele Barosselli segretario regionale della Filt Cgil – c’è anche un’altra lettura: i corrieri di Origgio sono i primi tra quelli che operano per società e cooperative fornitrici di Amazon che vedono regolarizzate le proprie posizioni e attestate le proprie richieste”.

12052017

3 Commenti

  1. guarda caso le società che servono Amazon sono generalmente Bartolini e GLS, che non sono proprio piccole…mentre si fa la guerra se servono Amazon, se servono un negoziante qualunue va bene.

    • Veramente ultimamente vedo soprattutto SDA e altri corrieri senza sigla che consegnano pacchi di Amazon. Penso che lavorino un po’ con tutti in base alla distribuzione.

  2. Navire è l’unica società seria nel contesto amazon.
    il Sig.Peluso e il Sig. Sacco ci tengono ai dipendenti

Comments are closed.