SARONNO – Riceviamo e pubblichiamo la nota integrale dell’Amministrazione comunale sul tema dei lavori pubblici.

Durante questo periodo di emergenza sanitaria, l’Amministrazione avrebbe voluto effettuare dei lavori pubblici approfittando del minor flusso di veicoli sul territorio comunale, ma l’art. 103 del decreto-legge del 17 marzo 2020 ha disposto la sospensione dei termini dei procedimenti e delle azioni degli atti amministrativi, rappresentando di fatto un primo ostacolo per eseguire i lavori programmati. Infatti, fino al 4 maggio 2020, possono essere attuati solo gli interventi urgenti e di necessità primaria, sempre a condizione che ci siano le imprese attrezzate a realizzare tali lavori nel rispetto delle norme previste. Un secondo vincolo che limita il portare a compimento i progetti fin da subito, è rappresentato dalla struttura organizzativa e operativa attualmente presente a ranghi ridottissimi, sempre a causa del provvedimento. Oltretutto in questo momento l’Amministrazione non può bandire gare, ma vuole comunque utilizzare questo periodo per programmare le attività che partiranno, salvo diverse disposizioni ministeriali, dopo il 4 maggio. Si tratta di lavori già affidati e finanziati con gara di appalto e garantita disponibilità da parte delle imprese.

Riportiamo di seguito i lavori che si intendono eseguire dopo suddetta data:
• pulizia dei muri del sottopasso in via I Maggio;
• rifacimento della scala che parte dal sottopasso di via I Maggio a via Bernardino Luini;
• rifacimento del dosso e attraversamento carrabile del viale del Santuario, in corrispondenza dell’ingresso della biblioteca;
• rifacimento del muro di recinzione dei giardini De Rocchi;
• illuminazione pubblica;
• segnaletica orizzontale e verticale;
• rotonda di San Francesco.

Per i lavori pubblici che invece richiedono di espletare una gara potranno essere banditi, stando sempre alle disposizioni del decreto-legge, dopo il 15 maggio. Gli uffici tecnici comunali stanno predisponendo gli atti per le seguenti opere pubbliche:
• lavori di asfaltatura;
• via Palladio (strada nuova);
• creazione della pista ciclabile che collega Saronno con Solaro.
L’unico intervento che ha la caratteristica di urgenza in quanto arrivati al limite della disponibilità e che quindi partirà la prossima settimana, è la realizzazione di 24 loculi e 48 cinerari presso il cimitero.
Sono inoltre in programma piccoli interventi da poter realizzare durante il periodo estivo (giugno – agosto 2020) all’interno dei presidi scolastici (imbiancatura, sistemazione dei servizi igienici etc.), compreso il rifacimento del tetto della scuola d’infanzia Monte Santo.

“Avremmo voluto sfruttare queste settimane di traffico ridotto per una serie di lavori, tra cui il rifacimento di strade e marciapiedi. Purtroppo, non si è potuto fare in quanto i provvedimenti pongono a restrizione diverse categorie di lavoro, coinvolgendo aziende e uffici comunali. Abbiamo quindi posticipato questi lavori nel rispetto della salute dei lavoratori”, spiega il sindaco Alessandro Fagioli.

“L’importante programma di lavori che si andrà a compiere sarà possibile grazie all’impegno svolto dai tecnici del settore ‘lavori pubblici’ – commenta l’assessore Dario Lonardoni. – e questo perché, pur nell’emergenza, c’è un’alternanza di personale che lavora sia da casa che in ufficio, riuscendo così a garantire il rapporto con i cittadini e a rispondere alle varie richieste”.

21042020

10 Commenti

  1. va bene sono lavori che sono stati fermi e che non sarebbero stati eseguiti nel Vostro mandato scaduto!
    ma la fase 2 di cosa è?
    Paolo Enrico Colombo

    • Sig Colombo, la sua critica non l’ho ben capita. Il comune fa i lavori solo per farsi bello perchè stà iniziando la campanga elettorale di settembre? E’ questo che voleva dire?

  2. nel frattempo vedete di uscire dalla gestione scandalosa degli aiuti alimentari.
    pare abbiate speso solo 60.000 euro, ma alle persone cominciano a rispondere che sono finiti i soldi.

  3. Creazione della pista ciclabile che collega Saronno con Solaro significa quindi che proseguite nella scelta scellerata di tagliare gli alberi di Via Roma? Spero che solo per il fatto di essere miracolati (purtroppo) dal prolungamento del vostro mandato per cause di forze maggiore, non ne approfittiate per fare in fretta e furia opere non condivise da buona parte dei cittadini. Ricordatevi che le elezioni sono solo posticipate, quindi la resa dei conti arriverà comunque. Certo che arriverà !

Comments are closed.