SARONNO – Fase 2 dell’emergenza coronavirus, c’è maggiore libertà di movimento ma certe regole vanno rispettare: nei giorni scorsi ed a più riprese le autorità regionali hanno invitato a non “abbassare la guardia” ed in questo fine settimana anche sul territorio sono impegnate le forze dell’ordine per i controlli. Nella centralissima piazza Libertà sia ieri che oggi anche la presenza di pattuglie della Guardia di finanza, che a Saronno e nel Saronnese affiancano polizia locale e carabinieri nell’attività di monitoraggio.

Queste sono alcune delle regole da osservare nella Fase 2:

Mascherine – In Lombardia è sempre obbligatorio indossare la mascherina, o un qualsiasi altro indumento a protezione di naso e bocca, quando ci si trova al di fuori della propria abitazione. La mascherina non è obbligatoria per i bambini fino ai sei anni, per i portatori di forme di disabilità non compatibili con l’uso continuativo della mascherina e per le persone che interagiscono con loro.

Mercati – I comuni possono riaprire uno o più mercati scoperti presenti sul proprio territorio per la vendita di prodotti alimentari e da qualche giorno anche non alimentari, a patto che garantiscano l’osservanza delle misure di prevenzione igienico-sanitaria e di sicurezza previste nell’ordinanza. Restano sospese le sagre.

Spostamenti – Sono consentiti gli spostamenti dovuti a comprovate esigenze lavorative, motivi di salute o situazioni di necessità. Dal 4 maggio è possibile recarsi in visita dai congiunti (cioè parenti e affini, coniuge, conviventi, fidanzati stabili, affetti stabili) purché venga sempre rispettato il divieto di creare assembramenti anche all’interno delle abitazioni, mantenendo il distanziamento di sicurezza e utilizzando mascherine o altre protezioni per le vie respiratorie. Rimangono vietati i trasferimenti in altre regioni, salvo che per comprovate esigenze lavorative, motivi di salute oppure per assoluta urgenza. È in ogni caso consentito il rientro presso il proprio domicilio, abitazione o residenza. Le persone sottoposte a quarantena, o che hanno sintomi da infezione respiratoria o febbre maggiore di 37.5′ C, devono assolutamente rimanere al proprio domicilio.

Attività motoria – È consentito svolgere attività motoria o passeggiate all’aperto senza più il vincolo di rimanere entro il raggio di 200 metri dalla propria abitazione. L’attività può essere svolta solo individualmente, oppure con un accompagnatore nel caso di minori o persone non completamente autosufficienti, rispettando sempre la distanza di sicurezza dalle altre persone. Parchi e giardini possono essere aperti e accessibili, ma non è consentito svolgere attività di natura ludica o ricreativa all’aperto; pertanto le aree attrezzate per il gioco dei bambini rimangono chiuse.

Allenamenti per gli atleti – Sono consentiti gli allenamenti per gli atleti. Gli allenamenti devono avvenire nel rispetto delle norme di distanziamento sociale e a porte chiuse.

Bar, ristoranti – Le attività di bar, pub, ristoranti, gelaterie e pasticcerie sono ripartire, con le regole del distanziamento fra i tavoli.

Funerali – Dal 4 maggio possono essere nuovamente celebrati i funerali. Le funzioni vanno svolte indossando protezioni delle vie respiratorie e rispettando rigorosamente la distanza di sicurezza tra le persone.

23052020

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.