SARONNO – Ha finto di rallentare e di fermarsi all’alt intimato dalla polizia locale in via Novara ma in realtà ha accelerato nella speranza di cogliere di sorpresa gli agenti e di riuscire a dileguarsi. Ma non è stato così. Il conducente di una Giulietta “fuggitiva” è stato raggiunto e bloccato dai vigili del comando di piazza Repubblica dopo un inseguimento che li ha portati fin nella zona boschiva tra Uboldo e Cerro Maggiore.

E’ il movimentato episodio avvenuto nel primo pomeriggio di mercoledì. Cosa è successo esattamente? Tutto è iniziato nell’ambito dei controlli realizzati, con l’ausilio dei portali leggi-targa, per verificare che tutte le auto che entrano in città siano munite di assicurazione. Gli agenti di via Novara hanno deciso di fermare una Giulietta segnalata dal sistema. Come detto il conducente ha tentato la fuga senza riuscire a sorprendere gli agenti che saliti in auto l’hanno tallonato in un lungo inseguimento fino ad una strada sterrata al confine di Cerro Maggiore dove sono riusciti a bloccare la sua vettura. Il conducente è sceso nel disperato tentativo di scappare a piedi. Ma non c’è stato niente da fare. Completando gli accertamenti gli agenti hanno scoperto che era senza patente (recidivo) oltre che senza assicurazione. L’auto è stata confiscata e non potrà tornare in circolazione prima di avere la dovuta copertura, almeno per 6 mesi. Non solo il 23enne al volante, un residente in provincia di Milano, si è ritrovato con due denunce a piede libero una per resistenza e una per la guida senza patente.

(foto archivio)

2 Commenti

  1. Sbaglio o qualcuno criticava le telecamere per il controllo delle targhe?
    Strumento utilissimo per fermare chi usa i veicoli senza assicurazione!

    • In realtà, come si vede in questo caso, per fare multe serve avere una pattuglia disponibile: nulla funziona come raccontava l’ex sindaco Fagioli (varchi che fanno multe) e tutto funziona esattamente come chi criticava per l’informazione non corretta e l’impiego di uomini, sottratti al presidio del territorio.

Comments are closed.