CERIANO LAGHETTO – “Da quasi un anno il bosco della droga è stato liberato. Ci sono stati alti e bassi, è stata durissima. Quante ore di impegno e sudore per riprenderci questa porzione di territorio! Da quando poi i carabinieri hanno arrestato, due settimane fa, quattro pusher magrebini che avevano rimesso in piedi una piazza di spaccio, qui non vola più neanche una mosca”. Il vicesindaco di Ceriano Laghetto, Dante Cattaneo, anche in questi giorni è tornato nelle zone boschive a margine della ferrovia Saronno-Seregno, per gli abituali pattugliamenti con volontari e polizia locale.

È un paradiso questo bosco senza quella feccia. Venite e godetevelo!” l’invito di Cattaneo. Negli ultimi mesi il bosco è stato passato al setaccio anche con il metal detector, operazione che ha consentito di trovare armi e refurtiva nascoste sotto la vegetazione.

(foto: Dante Cattaneo con polizia locale e volontari nel “bosco della droga” a margine della linea ferroviaria Saronno-Seregno)

12022021

8 Commenti

  1. Nella foro si vedono:
    Il Dante
    L’ intero corpo di Polizia Urbana di Ceriano
    Il Sig. Volontari

  2. cara lega finiti gli argomenti?
    siete passati da no euro, no europa, Draghi distruttore di futuro per i nostri giovani, non votavate in Ue per il Recovery, cavalcato il covid “io la mascherina non la metto”, la flatax ecc…

    Oggi vi si riscopre europeisti, atlantisti, ok no flatax… e oggi Draghi “il nostro futuro”.

    • Aggiungerei l’ancora più strabiliante “siamo d’accordo con la politica migratoria dell’Europa”….

  3. Grazie anche a Voi , per l’impegno che mettete a restituire i nostri boschi ai cittadini perbene e alle famiglie .

Comments are closed.