SARONNO – Il ritorno della zona arancione e la prospettiva delle riaperture del 26 aprile, se ci sarà la zona gialla, non hanno allenato l’attenzione della polizia locale sul rispetto delle norme anticovid per tutti i diversi attori della vita cittadina.

Dopo la moral suasion al mercato e gli accertamenti in borghese delle ultime settimane sull’uso delle mascherine l’input del comando di piazza Repubblica è stato quello di tornare a controllare le attività commerciali. Nel dettaglio è stato verificato il rispetto della chiusura alle 18 dei bar che al momento posso dedicarsi all’asporto ma solo fino alle 6 di sera quando devono abbassare le saracinesche. Gli agenti hanno effettuato una serie di accertamenti nella zona del centro storico riscontrando il pieno rispetto delle normative con il personale che ha chiuso casse, saracinesche e l’intera attività primo dello scattare dei divieti.

(foto di copertina uno scatto d’archivio con una pattuglia della polizia locale impegnata in un controllo nella zona a traffico limitato nel centro di Saronno)

5 Commenti

  1. Il problema non è l’orario di chiusura che tutti rispettano, ma l’orario di apertura con asporto durante il quale i bar hanno, chi più chi meno, gruppi di persone stanziali all’esterno. Queste andrebbero riprese e disperse. Come se non si sapesse… Le forze dell’ordine paiono struzzi con la testa sotto la sabbia. E poi i bambini non vanno a scuola!

    • I bambini nn devono andare a scuola. Quest’anno niente mare a breve si richiude tutto.

  2. Si può riaprire progressivamente tutto ma effettuando seriamente controlli sull’applicazione dei protocolli, quello che non a Saronno ma in tutta Italia è mancato finora…

  3. Quattro commenti uno peggop dell altro. Controlli nei bar in periferia ? Orde di vecchi da disperdere perché sostano all eaterno dei bar ? Controllo sul rispetto dei protocolli ?…..ma vi sentite normali ? Neanche durante il ventennio weavamo messi cosi male. Vergognatevi.

Comments are closed.